News

News

BOLOGNA compravendite immobiliari aumentano – i prezzi no

Bologna, 10 giugno 2019 – Le compravendite volano, i prezzi sono al palo. Le quotazioni del mattone non si muovono. Nel 2018 in Città metropolitana si sono scambiate 13.596 case (+12,2% rispetto al 2017), di cui 5.901 (+10,5%) a Bologna. Nel primo trimestre di quest’anno in città il trend si è confermato (+12,9%). Ma i prezzi, l’anno scorso, non hanno dato segni di vita: sono cresciuti di un misero 0,06% in città, arrivando a quota 2.796 euro, mentre nel resto della provincia scendevano dello 0,41%, a 1.560 euro. Medie da prendere con le pinze: in città si possono pagare 4.425 euro al metro quadrato per una casa nella zona Agricola sud (in pratica sui colli) o 2.000 nella zona Marco Polo-Pescarola (nel quartiere Navile), mentre fuori città si va dai 2.287 euro della prima cintura sud (dove si trova San Lazzaro, il comune con i redditi più alti della provincia) ai 1.077 euro della zona montana. I numeri sono dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate, che pochi giorni fa ha pubblicato le statistiche regionali annuali. CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO SU ” IL Resto Del Carlino cliccando questo link

Sondaggio Bankitalia: Intermediari positivi su breve e medio periodo

DA IL SOLE 24ORE ….. Secondo un recentissimo sondaggio commissionato da Banca D’Italia, continua l’ottimismo degli agenti immobiliari sullo stato di salute del mercato della casa, anche se i prezzi resteranno ancora fermi . Secondo i 1.413 professionisti interpellati tra marzo e aprile dal sondaggio trimestrale commissionato anche da Tecnoborsa, la domanda è aumentata pure nei primi mesi del 2017. Un dato che “pesa”, visto il buon andamento delle compravendite certificato dalle Entrate per il 2016. Anche se la quota di operatori che segnalano pressioni al ribasso sulle quotazioni immobiliari è in lieve aumento rispetto al trimestre precedente, questa «rimane ampiamente al di sotto di quella dello stesso periodo del 2016». Sono invece ulteriormente migliorate le condizioni della domanda: i potenziali acquirenti e gli incarichi a vendere sono aumentati: «il saldo tra le risposte di aumento e diminuzione del numero di potenziali acquirenti è aumentato a 13,8 punti percentuali (da 12,6 punti nella rilevazione di gennaio), grazie al rialzo registratosi nelle aree non urbane e non metropolitane». I tempi di vendita si sono lievemente ridotti a 7,1 mesi ma è tornato appena positivo il saldo fra le agenzie che indicano un aumento delle giacenze di incarichi a vendere e quelle che ne […]

CASA boom di compravendite: nel 2016 +18,9%

Casa, valore degli scambi a 89 miliardi nel 2016 (Fonte sole 24 ore) Con un balzo del 18,9%, nel 2016 il mercato della casa in Italia cresce per il terzo anno consecutivo (dopo il +6,5% di compravendite nel 2015 e il +3,5% nel 2014), arrivando a circa 534mila abitazioni acquistate. Questo il quadro del Rapporto Immobiliare residenziale 2017, realizzato dall’Agenzia delle Entrate in collaborazione con Abi. Una conferma della ripresa del settore che approfondisce i dati salienti già diffusi in occasione delle note trimestrali (a marzo però è stata registrata anche una frenata nell’ultima parte del 2016 rispetto ai trimestri precedenti). Il valore complessivo delle compravendite, cresce da 76 a 89 miliardi, mentre restano stabili i nuovi contratti d’affitto delle abitazioni (+0,63% sul 2015). Aumentano anche le case acquistate tramite mutuo ipotecario (+27,3%). CONTINUA A LEGGERE ARTICOLO SU ilsole24ore :  http://www.ilsole24ore.com/art/casa/2017-05-15/casa-e-boom-compravendite-2016-189percento-114826.shtml?uuid=AExMmTMB    

COMPRAVENDITA IMMOBILI – DATI ISTAT ancora un trimestre in calo prezzi E’ IL MOMENTO PER COMPRARE

COMPRAVENDITA IMMOBILI – DATI ISTAT ancora un trimestre in calo prezzi E’ IL MOMENTO PER COMPRARE (fonte ILSOLE24ORE) La rilevazione sul secondo trimestre 2016: Crollano le quotazioni delle case nuove (-2,3% in un anno) rispetto a quelle usate (-1,2%) Nel secondo trimestre di quest’anno l’Istat segnala un decremento congiunturale dello 0,4% e un decremento tendenziale dell’1,4% per l’indice sui prezzi delle abitazioni acquistate in Italia dalle famiglie, sia per investimento che per andarci ad abitare. La flessione, spiega l’Istat, è principalmente dovuta ai prezzi delle abitazioni nuove, la cui diminuzione su base annua si amplia (-2,3% da -0,5% del trimestre precedente), «diventando per la prima volta, da quando sia le nuove sia le esistenti sono in calo, più ampia e quasi doppia di quella dei prezzi delle abitazioni esistenti (stabile a -1,2%)» CONTINUA A LEGGERE SU Ilsole24ore : http://www.ediliziaeterritorio.ilsole24ore.com/art/casa-fisco-immobiliare/2016-10-04/immobiliare-i-listini-abitativi-ancora-trimestre-calo-04percento-14percento-un-anno-145645.php?uuid=ADKuR3VB&fromSearch        

NOVITA’ – CHI ACQUISTA CASA PER AFFITTARLA – SGRAVI FINO AL 20%

Bonus compra e affitta immobile: operativo dal 2016 L’art. 21 del DL n. 133 del 12/09/2014 aveva previsto una nuova deduzione fiscale fruibile dalle persone fisiche: il bonus “compra-affitta”. Da allora, il bonus non era ancora entrato a regime per mancanza dei decreti attuativi. Con DM dell’08/09/2015, il ministero ha finalmente pubblicato i decreti attuativi. Vediamo in cosa consiste il bonus. Le persone fisiche che acquistano immobili ad uso residenziale, da destinare a locazione, possono fruire di una deduzione fiscale pari al 20% del costo sostenuto per l’acquisto dell’immobile. La fruizione del bonus è ammessa anche al verificarsi di due ulteriori ipotesi: a) l’immobile è stato oggetto di lavori di ristrutturazione nel periodo antecedente il 12/11/2014; b) l’immobile è stato costruito su terreno di proprietà. CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO SU FISCOETASSE . COM – CLICCA IL SEGUENTE LINK: https://www.fiscoetasse.com/blog/bonus-compra-affitta-operativo-dal-2016/

SALE LA DOMANDA DI NUOVI MUTUI Spread ancora in calo

Spread ancora in calo. E sale la quota di domande di mutuo finalizzata all’acquisto Dimuiscono ancora gli spread applicati ai mutui. E, fermo restando la forza delle surroghe, aumenta la componente della domanda legata all’acquisto della casa. In un contesto di tassi ai minimi storici e prezzi bassi (e ancora in lieve diminuzione) sembrano esserci tutte le premesse per un consolidamento della graduale ripresa che si sta registrando nel campo delle compravendite residenziali. È il quadro che emerge dalla Bussola Crif- MutuiSupermarket sul mercato del credito legato all’immobiliare relativa al terzo trimestre del 2015. «Dopo 5 trimestri di continua riduzione del peso delle richieste di mutui con finalità acquisto casa sul totale delle richieste raccolte sul canale online – sottolinea l’osservatorio – finalmente nel terzo trimestre 2015 si registra un primo rimbalzo». Ad ottobre il loro peso era infatti pari al 46% delle richieste, contro una media del 36% del secondo trimestre 2015. Scendendo nel dettaglio dei tassi, i dati circa gli andamenti dei prezzi per i nuovi mutui proposti dalle banche nel corso del terzo trimestre 2015 mostrano che la media dei migliori spread per un mutuo a tasso variabile e fisso passano rispettivamente da un 1,7% e 1,3% […]

Ministro Poletti: positivo che banche per conceder mutui equiparino vecchi e nuovi contratti

DA IL SOLE24ORE: In questi giorni, alcune banche italiane hanno comunicato la decisione di applicare, per la concessione di mutui e prestiti ai lavoratori assunti con contratti di lavoro a tutele crescenti, gli stessi criteri di valutazione nel merito creditizio che venivano adottati per i lavoratori con il vecchio contratto a tempo indeterminato. È una risposta positiva ed importante – a chi aveva avanzato dei dubbi sulle caratteristiche di affidabilita’ nel tempo di questo contratto». Lo sottolinea il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, in una nota. «Questa risposta significa che i giovani che vedranno convertito un rapporto precario in contratto a tutele crescenti, o che lo avranno come primo contratto, se avranno bisogno di un finanziamento o…..CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO SU IL SOLE24ORE clicca il seguente Link: http://www.casa24.ilsole24ore.com/art/mutuo-casa/2015-04-02/ministro-poletti-positivo-banche-185043.php?uuid=AbbVzCcL

GLI ADDETTI AI LAVORI CREDONO NELLA CRESCITA DEL MATTONE NEL 2015

Gli operatori iniziano a credere in una ripresa del mattone Sarà finalmente il 2015 l’anno in cui il settore immobiliare italiano uscirà dalla crisi? Tutti se lo augurano e molti iniziano a crederci, complice l’arrivo degli investitori internazionali, la debolezza dell’euro e occasioni sul mercato. Una ulteriore speranza arriva oggi dalle rilevazioni dell’indice Fiups, che rappresenta graficamente il sentiment degli operatori, e che passa da 18 (nella prima rilevazione del 2011) a 19,5 nel quarto quadrimestre 2014. Il valore si era attestato a 17,98 nel secondo quadrimestre 2014. L’indice elaborato dall`Università degli Studi di Parma in collaborazione con Sorgente Group Spa e Federimmobiliare sottolinea come stiano aumentando gli investimenti sul mattone, in particolare quelli degli investitori istituzionali, come si accorcino i tempi di vendita degli immobili e le banche stiano riaprendo le linee di credito. Su quest’ultimo punto qualche esperto però non è concorde. Secondo l’osservatorio in questione, gli operatori del settore immobiliare scommettono sull’uscita del Paese dalla crisi quest’anno e sulla ripresa dell’attività del comparto. «Incidono molto – sottolinea la ricerca – le aspettative del panel degli operatori e dei professionisti, secondo i quali la propria attività migliorerà nei prossimi mesi: lo sostiene il 50,7% degli intervistati contro il […]

ATTICO VENDUTO A MANHATTAN a più di 100 milioni di dollari ! ! !

Un acquirente misterioso ha acquistatoal 90° piano di uno dei dei più bei grattacieli panoramici di Manhattan, un Attico da mille e una notte a più di 100 milioni di dollari ! ! ! Il panorama che si può ammirare è impareggiabile, vista su Central Park, sul fiume Hudson; questo acquirente ha raggiunto il record dei record, acquistando per un prezzo fra i più alti mai pagati per una residenza a New York city CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DEL NEW YORK TIMES, CLICCA IL SEGUENTE LINK: http://translate.google.com/translate?hl=en&sl=en&tl=it&u=http%3A%2F%2Fwww.nytimes.com%2F2015%2F01%2F25%2Frealestate%2F100-4-million-dollar-sale-at-one57.html%3Fsmid%3Dfb-nytimes&sandbox=1

PUBBLICATE ON LINE le note relative alle compravendite dell’Agenzia Entrate di 19 provincie

Dopo i dati positivi relativi al trend delle compravendite nel terzo trimestre dell’anno, comunicati la scorsa settimana (+4,1% per il residenzile su base annua), l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione di pubblico e operatori l’analisi dell’andamento del mercato immobiliare nel primo semestre 2014 a livello territoriale. Sono infatti disponibili online già dal 28 novembre, le Note territoriali relative al primo semestre 2014, che analizzano la situazione del mercato immobiliare locale in 19 province italiane. Viene approfondito l’andamento delle compravendite residenziali nelle province di Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Genova, Catania, Firenze, Salerno, Perugia, Bari, Venezia, Padova, Modena, Crotone, Udine, Pavia, Catanzaro e Mantova. Dati da consultare tenendo conto, però, anche del successivo miglioramento del mercato. Continua a leggere l’articolo su il sole 24 ore: http://www.casa24.ilsole24ore.com/art/mercato-immobiliare/2014-11-28/compravenditepubblicate-online-note-territoriali-155657.php?uuid=AbJ2n1hK  

Trova la tua casa

MENU